SPEDIZIONE GRATUITA

per ordini superiori ai 20€ in Italia

I NOSTRI LIBRI

GENOVA, VENT'ANNI DOPO

GENOVA, VENT'ANNI DOPO

€ 15,00Prezzo

A vent’anni dal G8 di Genova, dai gravi fatti che hanno offuscato il summit e che lo hanno reso – questi sì – una svolta definitiva nella Storia d’Italia, Giovanni Mari, giornalista genovese e testimone, ripercorre i vari fallimenti che hanno connotato quell’esperienza, rendendola unica e irreversibile: il fallimento degli otto Grandi, del governo italiano, dell’intelligence, delle forze dell’ordine, della politica italiana tutta, e poi ancora della magistratura, dei mass media e, infine, anche del movimento noglobal. Una sconfitta che pesa su tutti. Questo libro è un sincero e amaro giudizio di valore che, a distanza, parla del bisogno di una dolorosa rielaborazione che conduca passo passo a una verità difficile. Il contributo di Mari getta una luce diversa sulla lettura di quel terribile snodo che ha verosimilmente segnato la rappresentanza politica e le dinamiche di piazza di questo Paese nel nuovo Millennio.

 

«Sulle macerie del G8, neppure ha vinto Genova, con i suoi sforzi e i suoi atti eroici, con le sue strade distrutte e inzeppate di sangue, con i suoi splendidi palazzi ristrutturati. Restano solo singole vittorie private, di chi era per quelle piazze, in quei giorni, da una parte e dall’altra dell’ingombrante e orrenda barricata: porterà sempre con sé una verità e una piaga immacolate, anche se non tutti potranno ammetterlo. Così può solo aver vinto una concezione di Genova: Genova intesa come un senso intimo di appartenenza. Di conoscenza della realtà, della verità.»

 

Giovanni Mari, giornalista genovese, ha seguito dal primo momento la preparazione politica, militare e militante del G8 del 2001. In quei giorni e in quelle notti è stato cronista in piazza per Il Secolo XIX, il giornale della sua città: poi non ha mai smesso di occuparsene. Per lavoro si è successivamente dedicato con attenzione particolare allo scontro tra i partiti, appassionandosi allo studio della propaganda politica. Per vent’anni ha trattenuto dentro di sé un forte dolore per ciò che era accaduto intorno al vertice.